25.000 Lavoratori in Banca nei prossimi 5 anni



Nuove opportunità per giovani che cercano lavoro in banca, grazie ai nuovi incentivi che gli istituti di credito riceveranno per le assunzioni a tempo indeterminato  dei prossimi anni.

Il Fondo nazionale per l’occupazione nel settore del credito, istituito lo scorso gennaio con il nuovo contratto dei bancari, ha ottenuto il via libera nei giorni scorsi con la firma tra ABI e organizzazioni sindacali relativa al suo regolamento. Il Fondo – che sarà gestito da Enbicredito, ente bilaterale partecipato da ABI e sindacati dei bancari – ha lo scopo di favorire la creazione di nuova occupazione stabile e garantire una riduzione dei costi alle imprese che realizzeranno assunzioni a tempo indeterminato.

Si stima che nei prossimi 5 anni con questo meccanismo potranno entrare in banca circa 25mila giovani e lavoratori disoccupati.

In via sperimentale il Fondo per l’occupazione opererà per un quinquennio, fino al 2016. Per ogni lavoratore assunto, le banche riceveranno un incentivo di 2.500 euro. Il contributo scatterà solo per le assunzioni di determinate categorie di lavoratori svantaggiati:
- giovani disoccupati fino a 32 anni d’età;
- disoccupati di lungo periodo di qualsiasi età, cassaintegrati e lavoratori in mobilità;
- donne nelle aree geografiche svantaggiate;
- lavoratori nelle Regioni del Mezzogiorno con più elevati tassi di disoccupazione soprattutto giovanile;
- disabili.

Per i contratti di lavoro firmati nel Mezzogiorno il contributo alle banche salirà a
3.000 euro annui.
Il Fondo per la nuova occupazione in banca sarà finanziato dai lavoratori dipendenti delle imprese creditizie e finanziarie. In particolare il contributo è fissato nella misura di una giornata lavorativa annua da realizzare attraverso “la rinuncia” a riduzioni di orario ed ex festività. Contribuiranno al fondo anche i Dirigenti bancari, con una quota indicativa del 4% della retribuzione.

Questo strumento dovrebbe portare migliaia di assunzioni in banca per i giovani: 16.500 entro tre anni e 25mila entro cinque anni. Il fondo è operativo da ora, staremo a vedere come si muoveranno gli istituti di credito italiani, soprattutto i big come Banca Intesa, Monte dei Paschi di Siena, Gruppo BNL o Unicredit.

I link ai quali poter inviare i vostri cv sono qui di seguito riportati

ABIBancApulia
Banca AntonvenetaBanco di Sardegna
Banca BarclaysBanco Popolare
Banca del FucinoCassa di risparmio di Ferrara
Banca del PiemonteCassa di Risparmio di Ravenna
Banca D’ItaliaCassa di Risparmio di San Miniato
Banca EtruriaChe Banca
Banca FideuramCredem Banca
Banca GeneraliGruppo BNP Paribas
Banca MarcheGruppo Carige
Banca Monte dei Paschi di SienaGruppo Creval
Banca Popolare dell’Emilia RomagnaGruppo Deutsche Bank
Banca Popolare di BariGruppo Intesa Sanpaolo
Banca Popolare di LodiGruppo Mediobanca
Banca Popolare di NovaraGruppo Mediolanum
Banca Popolare di SondrioGruppo Poste Italiane
Banca Popolare di VeronaGruppo UBI Banca
Banca Popolare di VicenzaGruppo Unicredit
Banca Popolare EticaGruppo Unipol
Banca Popolare PuglieseGruppo Veneto Banca
Banca SellaING DIRECT


Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.